L’atmosfera, il senso di accoglienza che avvolge, rilassa, rasserena. Sempre di più il buon cibo deve essere accompagnato ad un ambiente che permetta a un ospite di sentirsi a casa, nella totale esclusività di un servizio impeccabile nella sua semplicità. Ha pensato questo Alessandra Gotti quando ha dato il via, da sola e con caparbietà e grande passione, al ristorante gourmet [SETTECENTO] di Presezzo.

Un progetto nato nel 2007 che si è subito focalizzato sul bisogno di ospitalità: «Che per noi significa prendersi cura di sé e soprattutto per proprio tempo – spiega la titolare -. Occuparci della tavola dei nostri ospiti vuol dire creare un’esperienza su misura, all’insegna della privacy, della riservatezza, dell’esclusività e attenzione al gusto». Il piacere dello stare a casa con l’esperienza di sapori ricercati ma mai sopra le righe, pensati che accogliere e coccolare, «per deliziare – continua Alessandra Gotti -. La nostra cucina è fatta di ricerca e qualità, di semplicità: ciò che assaggiamo ci rende vivi, ci offre sensazioni, ci dona emozione. Il connubio tra arte, storia e tecnica divengono principio di meraviglia e sapore a cui ci ispiriamo per la nostra ristorazione».

Al [SETTECENTO] l’obiettivo è quindi quello di veicolare la semplicità nella riflessione, «senza essere mai scontati». Questo grazie a una brigata di cucina capitanata da Daniele Romeo ed Enea Sangalli in continua formazione e «ricca di stimoli». Da qui la capacità di evolversi, garantendo «l’identità del gusto». E della bellezza: qui incantano gli spazi di una villa padronale che non ha perso il fascino della casa e che ha guadagnato, grazie al recupero attento del luogo, il suo valore storico, la sua eleganza e raffinatezza settecentesca: «Da qui il nome, per non dimenticate mai le radici di questo luogo di fascino e mitezza. Autentico nella sua straordinaria eleganza».
Sale curate nei minimi dettagli, mobilio ricercato che mixa antico con moderno, la pulizia delle forme che valorizzano affreschi e elementi di design. Alessandra Gotti ha entusiasmo e grande rispetto degli spazi e della loro storia del luogo che ora è parte di lei: «Tutto è nato proprio da questi muri, dalla voglia di ridare vita al luogo, che ogni giorno sa emozionarmi – spiega -. Poi c’è anche una vocazione insita in me: voler donare da sempre benessere al prossimo. Da qui il progetto di un servizio esclusivo e sempre dinamico. Il luogo sa far innamorare e continua a offrire spunti interpretativi: doniamo a ciascun angolo, a ciascun servizio che offriamo, nuove vesti, perché ogni elemento che caratterizza la nostra cucina e il nostro servizio deve essere vitale. Intenso».

La squadra di Alessandra segue la sua filosofia: «Per noi tutto sta nella fiducia di continuità che offriamo, guardando però ogni giorno al futuro». Un esempio è il sapore e lo studio che c’è dietro a uno dei piatti più amati, un «risotto di mare che abbina pesce cotto a pesce crudo, in un’esperienza di gusto fatta di contrasti molto equilibrati». C’è quindi tradizione, ma anche sperimentazione. C’è bellezza e creatività: nella cucina e nelle sale di questo luogo di atmosfera. «Vogliamo far sorridere, rilassare, offrire una tranquillità emotiva che è sempre più un dono speciale». Una sensazione di libertà che non significa formalità forzata, ma cura dell’attimo e libertà di scelta, nei giusti tempo e luoghi. E se il luogo ha una storia da raccontare, l’emozione è ancora più evocativa e gustosa.

Sponsored Ad

Realizzazione siti web e posizionamento motori di ricerca, SEO Bergamo

Register

You don't have permission to register
istanbul eskort - adana eskort - eskort adana - adana eskort bayan - eskort